.
Annunci online

QuartaDimensione

Delicato Amore

Flussi Di Coscienza 16/5/2011

Cene cucinate per gente che non mangerà mai.

 

Ormai mi esprimo sinteticamente.

Pregio? Difetto?

Realtà.

 

Mi sembra un eterno commento del vissuto.

Un eterna fattispecie  già vista.

 

Giudicala.

L’Amarezza. 

 

E’ a me stesso.. non verso il mondo.

E’ il mio vedere.

Si sfoca la vista.

Fortuna maior!

 

“Banali ripetizioni depresse”

Disse lo specchio alla propria immagine.

 

Bueno bueno puoi fare di meglio.

Lastre di amianto, comando inumano.

 

La totalità che si autodistrugge dall’interno.

Pezzo dopo pezzo.

 

Suppongo debba ringraziare qualcuno per questo.

Attimo indelebile di verità.

Una volta era meglio.

Era..

Spirituale.

Ricordo il brillante.

Lui ridondava.

 

Il diabolico mi confina oggigiorno nell’oscuro che nascondo.

 

Fantastico!

 

Io vedo il bello,

tu vedi il brutto.

 

La mia forza nel guidarti al paradiso,

La tua forza per evitare l’inferno.

 

Combatti

Combatto.

 

Muti e silenziosi,

profumati ed arcigni.

 

Soli.

 

Nell’infinito giuoco che conduce all’Eterno.

Battito.

E soffio.

Suono Universale.

Respiro.

Scorgo nuvole montane in lontananza, mille i colori e le derivazioni, forme che si mischiano e si confondono,

contrasto.

Fra quel grigio-nero scintillante ed il cielo, che solo, ci ricorda della perfezione dietro alle cose.

Semplicità.

Banale.

 

Ma quel blu reso vivo dal gelo.

Non lo si dimentica.

Più.

 

Quel Viaggio così improvvisato.

E laviamoci con i resti di uno scippo pieno d’amore.

Consumiamoci.

L’uno accanto a l’altra.

Persone stupende.

Magie accomodanti.

 

Brevità.

Scarsità.

Diluvio.

Grazia.

 

Dateci il nostro amore,

Dateci la redenzione,

Resti angelici dalle ali mozzate.

Incastonati.

Su pietra di Razza.

Metallo e Minerale Pesante.

Profondo.

Dai colori sgargianti.

L’interno.

Sembra un universo a dire il vero.

Sembrano una catena di universi in totale divenire.

L’aggettivo succedaneo lo vedremo in seguito.

 

Scorre,

Scorre melodico il divenire,

Ricco

Ricco

Si,

Chissa dove ci condurrà..

L’eternità?

 

Verso lidi migliori sicuramente.

Suggerì  l’asino al direttore.

 

Tempi moderni..

Bhà!

 

Era meglio nascere settantamila anni fa.

Semi scimmie dirompenti.

Almeno allora seguivamo i ritmi della madre terra.

Adesso E’ uno schianto.

 

Datemi il cibo vi togliero l’amore, sembra suggerire uno spot televisivo.

Chissa dove ci condurra..

L’eternità?

Bla bla bla bla

Bla bla bla bla

 

Miao!

 

Bau?!

 

Scricci Scricci..

Dolce Fiore.

Oh!


Delicato Amore.


Sergio 011




permalink | inviato da Menti_illuminate il 16/5/2011 alle 12:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Blog letto1 volte

Categorie
tags
europa partito democratico italia berlusconi politica stato pdl parlamento costituzione governo
Link
Art 1 La Persona in quanto essere umano evoluto, deve considerarsi una piccolissima parte della totalità delle forme di vita presenti nell'universo. Esse sono da considerarsi come cosa unica, indivisibile e inviolabile. Vi è daltronde, la comune accettazione, che l'unicum creato sia composto di un'infinità di particelle, ognuna differente e costante l'una dall'altra, mutevole nel tempo.